Di 17:25 Guercio News, guercio tg, Segnalazioni, T’ho detto tutto

-MACERATA – Rissa a “sangue” tra Spoletini.

A dare l’allarme è stato un taglialegna di San Lorenzo di Treia nel Maceratese che mentre stava lavorando in mezzo alla macchia è stato attirato dalle forti urla provenienti da un fossato poco distante: “me so sinditu i strilli più forte della motose’..me so fermato duttu e ho ghidu a vedè se che era succe’…” incredulo il nostro intervistato, si è trovato davanti una scena quasi apocalittica con almeno 6 uomini sdraiati in terra a darsele di santa ragione.

Ha capito subito si trattasse di Spoletini e non di Locali dal modo di parlare, infatti bestemmiavano completando le parole anche con l’ultima consonante e terminavano tutte con la lettera U…

Sono dovuti intervenire anche i carabinieri in divisa antisommossa per separare i coinvolti oltre  agli uomini della scentifica per indagare sui motivi che hanno potuto scatenare una simil tenzone.

Sembra che la causa sia la esclusiva passione dello spoletino per i funghi sanguinosi. La particolare tipologia di fungo viene ritenuta addirittura non commestibile dagli abitanti di tutto il mondo all’infuori degli spoletini che amano farla sulla brace “co na becca d’aiu” o usarla come condimento per gli stringozzi. Cosi negli ultimi tempi, se nel resto del mondo si è sempre alla ricerca di qualche nuova meta per i divertimenti più estremi a Spoleto il nuovo “turismo sessuale” si è spostato verso la montagna di Macerata dove è possibile scoprire distese di sanguinosi incontaminate in quanto i marchigiani non li raccolgono, non li mangiano che je sanno viscidi.

I 2 gruppi di spoletini ritrovandosi nello stesso posto hanno iniziato a rivendicare la priorità acquisita nell’averlo scoperto, ma non erano affatto d’accordo su chi fosse arrivato per primo ed è nato questo scontro all’ultimo sangue…anzi all’ultimo sanguinoso.

Dopo una notte in cella e le dovute cure mediche, i concittadini sono stati rilasciati ma per loro è scattato il Daspo Extra-Urbano, un’ eccezionale misura cautelare studiata apposta per i sempre più frequenti casi di spoletini a funghi nelle Marche. La misura prevede un braccialetto che all’altezza dello svincolo Foligno-Macerata, grazie alla presenza di una fotocellula, si mette a gridare PORCINI PORCINI PORCINI…ma c’è giá chi è pronto a giurare che non si fermeranno e passeranno pe Norcia!

(Visited 1.140 times, 1 visits today)