Di 10:18 Guercio News, guercio tg, Segnalazioni, Ultiumorissima

MULTE ANTI COVID, FAMIGLIA SUL LASTRICO

È durata poco più di una mezz’ora la disavventura che ha visto tristemente protagonista una normale famiglia spoletina. Una vicenda ai tempi del Corona Virus, che sarebbe potuta accadere a chiunque.

I fatti risalgono alla giornata di ieri, domenica 19, una bella giornata di sole che nascondeva una sorpresa decisamente da evitare per la famiglia in questione.

Al termine di una furibonda lite famigliare con la moglie, il marito per sbollentire gli animi, aveva deciso di uscire a fare 2 passi. Complice la fretta aveva dimenticato di portare seco la mascherina. Inavvertitamente aveva superato il limite consentito dei 200 mt da casa e puntualmente era stato fermato da una pattuglia delle forze speciali dei vigili urbani impegnate in uno dei controlli nell’azioni di contenimento della diffusione da Corona-Virus.

La motivazione della lite con la moglie non è consentita e quindi la stesura di un verbale di 534€  e l’obbligo di rincasare immediato.

Ma qui altro colpo di scena, una volta rientrato a casa era stato accolto dal contrappunto della moglie, ancora inquieta per la lite precedente. “SE NON TE VAI TU ALLORA ME NE VADO IO!” queste sono state le urla della donna  raccolte dalle testimonianze dei vicini, prima che uscisse sbattendo la porta per raggiungere la strada e fare 2 passi per sbollentire la rabbia.

Complice la fretta aveva dimenticato di portare seco la mascherina. Inavvertitamente aveva superato il limite consentito dei 200 mt da casa e puntualmente era stata fermata da una pattuglia delle forze speciali dei vigili urbani impegnate in uno dei controlli nell’azioni di contenimento della diffusione da Corona-Virus.

La motivazione della lite con il marito non è consentita e quindi la stesura di un verbale di 534€  e anche per lei l’obbligo di rincasare immediato.

Ma le sorprese non sono terminate.

Una volta rincasata la donna era stata accolta in malo modo dal marito, ancora inquieto per la lite precedente e ancora di più per via del suo verbale.

Ma anche la signora era ancora inquieta per la lite precedente e ancora di più per via del suo verbale.

Quindi avevano rincominciato a litigare ancora più duramente di prima per via che erano ancora inquieti per la lite precedente e ancora di più per via dei loro verbali e un pelo ancora di più per aver scoperto il verbale degli altri.

A questo punto i 2 figli adolescenti che non ne potevano più avevano deciso di uscire da casa sbraitando anche loro e inveendo contro i genitori “AVETE ROTTO, BASTA! SE NON VE LA SMETTETE NON TORNIAMO PIÙ!”.

queste sono state le urla dei ragazzi raccolte dalle testimonianze dei vicini, prima che uscissero sbattendo la porta per raggiungere la strada e fare 2 passi per sbollentire la rabbia.

Complice la fretta avevano dimenticato di portare seco le mascherine. Inavvertitamente avevano superato il limite consentito dei 200 mt da casa e puntualmente sono stati fermati da una pattuglia delle forze speciali dei vigili urbani impegnate in uno dei controlli nell’azioni di contenimento della diffusione da Corona-Virus.

La motivazione della lite con i genitori non è consentita e quindi la stesura di un verbale di 534€ a testa e anche per loro l’obbligo di rincasare immediato.

Una volta rincasati i ragazzi avevano trovato i genitori in un insolito atteggiamento amoroso, era evidente che si fossero appacificati ma la tregua non era destinata a durare a lungo. I ragazzi avevano raccontato dei loro verbali, il padre aveva iniziato ad alzare la voce, sua moglie era intervenuta in difesa dei ragazzi, da qui il riaccendersi della lite ancora più furibonda che portò il marito ad uscire per sbollentire la rabbia e fare 2 passi…e tutto ebbe a ripetersi a giro fino al raggiungimento di 27 mila e 763 € di verbali.

Ma a sbalordire più di tutto era il lenzuolo appeso alla loro terrazza con disegnato un arcobaleno e la scritta “andrá tutto bene” che nel frattempo è stato rimosso.

(Visited 382 times, 1 visits today)